martedì 14 maggio 2019

LUCIA MONTAURO – L’ENIGMA DEI PENSIERI NASCOSTI – GENESI EDITRICE, TORINO, 2018, € 10,00


 
I termini “tempo” e “vita” sono forse i vocaboli che maggiormente ricorrono nella silloge poetica di Lucia Montauro “L’enigma dei pensieri nascosti”. E sembrano quasi essere un filo rosso sopra il quale la poetessa approda in punta di piedi, senza rumore od urla inconsulte, e che percorre con apparente leggerezza (leggerezza ritmico formale, non certo di contenuto), sorvolando quell’immenso e periglioso abisso che sta tra la vita che spazia nel tempo e la morte. Il titolo stesso dell’opera parrebbe indicare un mistero o qualcosa di indefinito ed indecifrabile cui però è necessario aggrapparsi per poter andare oltre: dove non si sa. Così l’enigma è tutto nei pensieri che la poetessa incorpora e traduce osservando il mondo circostante. La sua decifrazione sarà la presa d’atto dell’imponderabilità dell’esistenza la cui complessa e difficile imperscrutabilità rimanda ai classici della letteratura. In tal guisa i pensieri nascosti sembrano disvelarsi al lettore con un pudore e una delicatezza del tutto femminile, sebbene ad una più significativa lettura ciò si traduce in una voce formidabilmente forte e stentorea. I suoi versi richiamano ciò che noi siamo o che vorremmo essere, subiscono il fascino di una meditata epifania volta a scandagliare animi e volti, natura e metanatura. Così facendo la poetessa ci indirizza verso l’essenza stessa della sua scrittura che è raffinatezza del dire e del sentire, come giustamente annota Maria Luisa Spaziani.
Si apprende, purtroppo, dalla nota introduttiva di Giorgio Seropian che questa silloge è l’ultima fatica di Lucia Montauro, pubblicata postuma, ma da lei stessa preparata e raffinata poco prima del “compimento del suo destino terreno”. Grazie a questa precisazione iniziale alcune liriche assumono un significato epigrammaticamente tragico, sebbene la levità della scrittura trascenda e, per dir così, oltrepassi l’immanente drammaticità. In quei versi riecheggia, infatti, il respiro di un’anima che guarda oltre le cose perché ha in sé il senso dell’infinito: “un segnale profetico/ urlato dalla bocca di Eolo/ dio vanitoso del vento/ pianto di morte/ che la notte sovrasta e respinge.” Ecco allora che la realtà si frantuma in rivoli di memoria, in ricerca paziente di rimandi, di metafore nascoste, come i pensieri, che riemergono dal silenzio dove “l’attesa fa rifiorire più volte/ la vita”, dove “il giorno e la notte/ tingono il nostro cammino/ con chiaroscuri tappeti/ d’erba selvatica e nebbia”. Sta in questa sfida tra il possibile e il fattibile, tra la carnalità del vissuto e la spiritualità della preghiera che Lucia Montauro offre momenti di intensa liricità scoprendo  e rincorrendo “fantasmi felici”, “scenari aperti alla vita/ con distillati di succhi/ appaganti per l’anima”, perché il procedere si fa più responsabile, fra paesaggi idilliaci e passaggi “senza risposte ideali”, in cui i responsi appaiono inafferrabili e sembrano inseguire interrogativi ancestrali perché “viviamo paure incontrollate/ come conchiglie svuotate/ per mancanza di mare/ o alghe sinuose/ che accarezzano il corpo/ per non farci perdere/ nell’infinita nullità”.

Nessun commento:

Posta un commento

Maria Borio “Trasparenza” - Interlinea Edizioni, 2018

L’accenno riproduttivo e fecondo esegue una partitura dialettica dove tesi e antitesi sono il puro e l’impuro. Sintesi diviene la tr...